Posted on

Come vengono stimati i beni offerti in pegno per un prestito?

Com’è noto, in mancanza di garanzie reddituali, ovvero di una busta paga, e di merito creditizio, come accade nel caso dei cattivi pagatori, si può comunque provare ad ottenere un prestito dando in pegno un bene in grado di ricoprire la cifra che viene richiesta alla controparte. In caso il richiedente non riuscisse ad onorare l’impegno assunto a livello contrattuale, ovvero non pagasse le rate previste dal piano di rientro, l’ente erogante potrebbe rifarsi pignorando il bene impegnato.

Naturalmente chi è interessato ad una formula di questo genere, la prima domanda che si pone è la seguente: come vengono stimati i beni offerti in pegno per un prestito? In effetti è una domanda che ha una sua logica, in quanto come al solito il coltello in questi casi è dalla parte di chi eroga il finanziamento, che logicamente non si fa scrupolo di sfruttare la sua rendita di posizione.

Una domanda secca, cui si può rispondere affermando che la quotazione dipende proprio dal bene proposto. Nel caso di gioielli essa può arrivare ad un 80% circa dell’effettivo valore, mentre per ogni altro tipo di bene dato in pegno l’entità del prestito non potrà superare i due terzi del valore stimato.

Prestiti per cattivi pagatori: le alternative esistono

Se si detesta dover subire quella che è avvertita come una prevaricazione, ovvero una stima reputata non adeguata da parte dell’ente erogante, va comunque sottolineato che i cattivi pagatori possono comunque provare a praticare strade alternative che possono risultare in definitiva meno onerose. Tra le quali ricordiamo ad esempio il prestito con garante, in cui un familiare o un conoscente può prestare le garanzie richieste dalla banca, a patto che sia provvisto di merito creditizio. In pratica sarà il garante a subentrare nel piano di pagamento nel caso in cui il contraente principale si dovesse venire a trovare in difficoltà ad onorare il suo impegno.

Se il prestito con garante può essere una soluzione, va comunque ricordato che esistono altre scappatoie. Proprio per questo si rende necessario informarsi su quello che offre il mercato, attingendo informazioni dal web, ove è possibile consultare un gran numero di siti dedicati al tema: consigliamo in tal caso il sito Guidaprestiticattivipagatori.it e quest’articolo sulle soluzioni per cattivi pagatori con la cessione del quinto.