Posted on

Il microcredito statale per le PMI italiane

Anche nel nostro Paese il microcredito si sta rivelando uno strumento sempre più prezioso per il sostegno al sistema produttivo, in particolare in favore delle piccole e medie aziende che non riescono ad interloquire proficuamente con il sistema creditizio.

Anche lo Stato ha deciso di puntare sui piccoli prestiti per dare respiro ad un settore che negli anni della crisi è stato letteralmente falcidiato dalla serrata effettuata dal credito tradizionale, la quale ha causato un gran numero di fallimenti e spinto molti piccoli imprenditori a rivolgersi agli usurai. 

Tra le principali iniziative varate in tal senso occorre ricordare Microcredito PMI Fondo di Garanzia, che consentiva alle imprese più piccole di accedere a finanziamenti da 20mila a 100mila euro. Entrato in vigore con il decreto del 18 marzo 2015, il fondo è però scaduto per l’esaurimento dei soldi stanziati e ora Invitalia è attiva solo per quanto concerne i finanziamenti per aprire una impresa a tasso zero. Di cosa si tratta?

I finanziamenti a tasso zero per giovani e donne

A poter richiedere i finanziamenti a tasso zero concessi da Invitalia per le imprese, sono quelle che sono state costituite sotto forma di società e imprese cooperative, in cui oltre la metà sia costituita da giovani tra i 18 e i 35 anni o donne, che vantino una anzianità inferiore ai 12 mesi, rientranti nella categoria delle micro o piccole imprese, secondo le classi stabilite dal decreto emanato dal Ministero delle Attività Produttive il 18 aprile del 2005 e dal regolamento GBER.

Il finanziamento agevolato per gli investimenti a tasso zero deve essere restituito entro otto anni con rate semestrali e per potervi accedere è necessario che l’impresa provveda alla copertura del 25% dell’investimento, utilizzando all’uopo risorse proprie oppure un altro finanziamento, ma stavolta non pubblico.

Per saperne di più, ad esempio sui requisiti o sui settori agevolabili, si consiglia di cercare le relative informazioni sul web, in particolare presso quei siti che si propongono di informare sui piccoli prestiti. Una categoria che ha visto molte new entry nel corso degli ultimi mesi, permettendo a chi è interessato di poter reperire con una certa facilità le informazioni di cui necessita. Suggeriamo quest’oggi l’articolo sui piccoli prestiti ai finanzieri o Faf.