Posted on

Prestiti auto: attenzione alla Maxi rata

Molto spesso, osservando le pubblicità relative alla vendita di auto, si rimane notevolmente sorpresi dagli annunci che offrono auto da svariate decine di migliaia di euro a rate abbastanza irrisorie. Il meccanismo in questione si chiama Maxi rata e va preso con le molle, in quanto contiene notevoli insidie.

Il funzionamento del finanziamento è il seguente:

1) versamento di un anticipo da corrispondere alla stipula del contratto e non dilazionabile;

2) varo di un piano rateale, con una cifra fissa da corrispondere mese per mese;

3) corresponsione di una Maxi rata al termine del piano rateale. In taluni casi è però possibile restituire il mezzo oppure rifinanziare l’importo.

Quando si decide di adottare un congegno di questo genere, occorre in primis fare molta attenzione e cercare di capire gli eventuali benefici e svantaggi che esso può comportare. Il primo dato da prendere in considerazione è proprio quello relativo alla trasparenza della proposta, in quanto molto spesso la pubblicità proposta è ingannevole. Il vero vantaggio che va messo nel conto è comunque proprio quello di poter infine decidere se versare la Maxi rata finale oppure lasciare la macchina acquistata in questo modo ove essa si dimostri in evidente stato di usura o addirittura obsoleta.

Prestiti auto: concessionaria o finanziaria tradizionale

Quando si punta all’acquisto di un’autovettura è del tutto logico guardare con interesse ad un prestito, proprio in considerazione del fatto che per un’operazione di questo genere occorre impegnare cifre di una certa importanza.

L’alternativa che si presenta è tra i prestiti proposti dalla concessionaria e quelli che possono essere richiesti ad una finanziaria tradizionale. Si tratta di due strade abbastanza difformi e che devono essere vagliate con molta attenzione, per non trovarsi di fronte a sgradite sorprese. In particolare molti esperti e le stesse associazioni dei consumatori sono concordi nel segnalare la minore convenienza dei finanziamenti in concessionaria, derivante proprio da una serie di comportamenti scarsamente trasparenti e dal fatto che i concessionari, in ultima analisi, offrono finanziamenti per i quali ricoprono il ruolo di intermediari, ottenendo delle provvigioni che poi vengono scaricate sui piani di rientro. Va peraltro considerato che questa non è la sola criticità del prestito in concessionaria, che andrebbe quindi evitato. Maggiori informazioni sul prestito auto qui.