Posted on Lascia un commento

Prestiti con delega, come capire quali convengono?

Il prestito con delega, indicato anche come doppio quinto, è una formula creditizia studiata appositamente per chi dopo aver sottoscritto una prima cessione del quinto di stipendio si trovi nella condizione di dover richiedere liquidità aggiuntiva. La differenza con il quinto semplice, oltre che nell’entità delle cifre in ballo, sta nel fatto che in questo caso il consenso del datore di lavoro all’operazione è conditio sine qua non: senza di esso non c’è prestito.

Prima di chiedere un prestito con delega, però, occorre porsi una domanda ben precisa, proprio alla luce delle tante criticità evidenziate nel corso degli anni: come si può fare per capire quale prestito con delega sia più conveniente tra le tante proposte del mercato?

I fattori da tenere in considerazione

Quando si richiede un prestito di questo genere, i fattori da tenere in considerazione al fine di poter procedere ad un confronto attendibile tra le offerte di mercato, sono i seguenti:

1) il Tasso Annuo Nominale (TAN);

2) il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG);

3) le spese di istruttoria e accessorie, in particolare le commissioni bancarie;

4) il costo dell’assicurazione caso morte e perdita posto di lavoro.

Tra di essi, comunque, quello che occorre considerare con il massimo di attenzione è proprio il TAEG, indicatore il quale tiene conto di tutti i costi connessi al finanziamento. Per poterlo visionare, è comunque possibile consultare il modulo SECCI, il prospetto obbligatorio che l’ente erogante deve consegnare al cliente in modo da chiarire al meglio il quadro in cui avviene il prestito. In pratica proprio dal TAEG dipende l’entità della rata mensile che il richiedente dovrà accollarsi in sede contrattuale.

Va anche ricordato come per poter mettere a confronto le varie proposte di prestito con delega, è possibile ricorrere al web, ad esempio utilizzando i cosiddetti comparatori. Nel caso si intenda avere il massimo di informazione possibile, in modo da evitare possibile trappole, è poi consigliabile consultare i siti online che si occupano in maniera approfondita della tematica. Tra di essi ricordiamo in particolare Iprestiticondelega.it in questo caso inerente i dipendenti, portale considerato ormai un punto di riferimento ineludibile per chi intenda saperne di più, proprio per la chiarezza e completezza dell’esposizione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *